Società della Salute della Zona Pisana
Consorzio Pubblico di funzioni
Via Saragat, 24 - 56121 Pisa

Avvisi e Notizie

 

Finora sono arrivate 248 domande. Possono presentare richiesta gli “over 65” residenti nel territorio comunale invalidi al 100% o portatori di handicap con Isee pari o inferiore a 30mila euro. Previsto un contributo di 200 euro al mese per un massimo di 12 rate.

La Presidente SdS Gianna Gambaccini, assessore alle politiche sociali del Comune di Pisa: “Stanziati 420mila euro, oltre la metà dei 744mila che, come amministrazione comunale, destiniamo ogni anno alla SdS per l’assistenza domiciliare”

PISA, venerdì 25 settembre 2020 – Ultimi giorni per presentare richiesta del “Bonus Anziani 2020”, la misura decisa dal Comune di Pisa e affidata alla gestione della Società della Salute della Zona Pisana che prevede un contributo di 200 euro al mese per gli ultra65enni invalidi al 100% o portatori di handicap ai sensi della legge 104/92 residenti nel territorio comunale. Sono 248 le domande arrivate sinora, ma c’è ancora un po’ di tempo dato che l’ultimo giorno utile per la consegna della documentazione è mercoledì 30 settembre.

Possono presentare domanda gli anziani “over 65” invalidi al 100% o portatori di handicap ai sensi della legge 104/92 residenti nel Comune di Pisa da almeno cinque anni (è consentita la presentazione di una sola domanda per nucleo) con Isee ordinario in corso di validità pari o inferiore a 30mila euro. Il modulo di domanda, scaricabile in versione editabile da www.comune.pisa.it e www.sds.zonapisana.it, dovrà essere compilato e corredato di copia del documento d’identità (e del permesso di soggiorno CE di lungo periodo per i cittadini non comunitari), documentazione attestante la disabilità (ex art.3 l.104/92) o il verbale d’invalidità al 100%, l’Isee in corso di validità e estratto del codice Iban. Tutta la documentazione deve essere inviata per mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

L’erogazione del buono sarà effettuata in soluzioni mensili di 200 euro per un massimo di 12 rate e Il primo versamento comprenderà anche le mensilità arretrate a partire dalla data di maturazione del buono (nel caso il beneficiario abbia compiuto il 65esimo compleanno nel 2020) e comunque non potrà essere antecedente al gennaio 2020.

“Già prima dell’emergenza Covid-19 avevamo sollecitato la Regione a prevedere interventi più sostanziosi di sostegno alla domiciliarità per aiutare le famiglie che accudiscono un anziano non autosufficiente, una necessità che è diventata ineludibile con la pandemia – spiega la Presidente della SdS Pisana Gianna Gambaccini, che è anche assessore alle politiche sociali del Comune di Pisa -: così abbiamo deciso di dare l’esempio e venire incontro in prima persona al bisogno di tante famiglie, dedicando a questa misura circa420mila euro, oltre la metà dei 744mila che, come amministrazione comunale, destiniamo ogni anno alla SdS per l’assistenza domiciliare. I 324mila restanti, invece, saranno destinati a finanziare il servizio di assistenza domiciliare integrata diretta sempre per i cittadini pisani che ne hanno bisogno. Con questa scelta, come Comune di Pisa, vogliamo invitare gli altri comuni della Zona a fare altrettanto, impegnandosi direttamente nell’assistenza domiciliare degli anziani che vivono nei loro territori”

 Tutta la documentazione è pubblicata sui siti www.sds.zonapisana.it e www.comune.pisa.it. Informazioni e chiarimenti possono essere chiesti allo 050.954037/954032 il lunedì e il venerdì mattina dalle 10 alle 12 oppure scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..