Società della Salute della Zona Pisana
Consorzio Pubblico di funzioni
Via Saragat, 24 - 56121 Pisa

Avvisi e Notizie

 Per tutta la mattina sul posto ad assistere le famiglie colpite, un’assistente sociale e un’opertatrice dell’emergenza abitativa.

 La Presidente Gambaccini: “Abbiamo incontrato tutte le famiglie coinvolte e individuata un’albergazione d’emergenza per una studentessa fuorisede, l’unica dei residenti priva di soluzioni alternative presso parenti o amici. La prossima settimana, comunque, incontreremo nuovamente i nuclei colpiti”

 

PISA, venerdi 23 agosto 2019 – Pronto intervento sociale della Società della Salute della Zona Pisana in azione a Porta Nuova, accanto alle famiglie della palazzina di via Sesia andata a fuoco a causa di una pentola lasciata sul fuoco della cucina. Allertate dalla Protezione Civile, sul posto, coordinate dalla responsabile Maria Atzeni, sono state presenti per tutta la mattina un’assistente sociale e un’operatrice dell’emergenza abitativa. Un intervento che, in primo luogo “ha consentito di trovare un’albergazione d’emergenza a una studentessa fuori sede che non aveva soluzioni alternative e a cui abbiamo assicureremo anche sostegno psico-sociale pure per i prossimi giorni perché molto provata dall’evento” ha fatto il punto a fine mattinata la Presidente della SdS Pisana Gianna Gambaccini. “Abbiamo avuto colloqui anche con le altre cinque famiglie residenti nell’edificio e verificato che, come comprensibilmente capita spesso in questi casi, tutte preferivano appoggiarsi provvisoriamente da parenti o amici – ha proseguito -: una signora invalida si è trasferita provvisoriamente nell’abitazione di un parente del marito e in questo caso abbiamo provveduto prontamente a spostare nella nuova residenza provvisoria l’assistenza infermieristica di cui beneficiava e verificato che tutte le altre quattro famiglie avessero trovato una sistemazione idonea ad ospitarli da parenti o amici. In ogni caso – ha concluso Gambaccini - i sei nuclei familiari coinvolti saranno visitati a domicilio già prossima settimana per valutare eventuali altre necessità di sostegno e accompagnamento”.