Società della Salute della Zona Pisana
Consorzio Pubblico di funzioni
Via Saragat, 24 - 56121 Pisa

Avvisi e Notizie

 2,2 milioni in più rispetto al 2017. Negli ultimi quattro anni le risorse destinate alle fasce più vulnerabili del territorio sono aumentate del 36% passando da 18,9 a 25,7 milioni.

La presidente Capuzzi: “12 milioni sono arrivati da finanziamenti regionali, nazionali ed europei, risorse aggiuntive che abbiamo intercettato grazie alle sinergie fra istituzioni del territorio e alla competenza degli operatori”

 7,7 milioni destinati agli anziani, 4,6 milioni ai disabili e 3,8 ai minori. l direttore Campani: “Quello della terza età rimane il settore che assorbe la quota maggiore di isorse, ma per il 2018 sono state aumentate di 700mila euro le risorse per disabili e minori. In calo, invece, quelle destinate all’immigrazione”

231217_capuzzi_campani2.JPG

 PISA, sabato 23 dicembre 2017 – Quasi 26 milioni di euro destinati ai servizi socio-sanitari e alle politiche sociali dei nove comuni della Zona Pisana (Calci, Cascina, Crespina-Lorenzana, Fauglia, Orciano Pisano, Pisa, San Giuliano Terme, Vecchiano e Vicopisano), 2,2 milioni in più rispetto all’anno precedente, un incremento che conferma la crescita degli investimenti nei servizi che si rivolgono alle persone più in difficoltà, costante da quattro anni e che, fra il 2015 e il 2018 ha realizzato un incremento di ben il 36% passando dai 18,9 a 25,7 milioni di euro. E’ la sintesi del bilancio preventivo 2018 della Società della Salute della Zona Pisana, il documento approvato ieri mattina (venerdì 22 dicembre 2017) dall’Assemblea dei Soci con il voto favorevole di tutti i Comuni presenti, eccezion fatta per Cascina e che registra un pareggio assoluto fra entrate e uscite.

Numeri che raccontano anche la capacità della SdS Pisana di catalizzare e distribuire sul territorio in servizi e interventi rivolti alle fasce più vulnerabili una quota di finanziamenti ben superiore alle risorse destinate dai Comuni consorziati: “Basti dire che la quota complessiva dei versamenti decisi da quest’ultimi è pari a 10,6 milioni, il 41,2% del totale, e se anche a questi aggiungiamo i 3,1 milioni di compartecipazioni da parte degli utenti arriviamo a 13,7 milioni, pari al 53,7% del valore complessivo del bilancio preventivo – ha spiegato la presidente della SdS Pisana Sandra Capuzzi durante la conferenza stampa di presentazione -. La parte restante, corrispondente a 12 milioni di euro, è arrivata nel nostro territorio attraverso finanziamenti regionali, nazionali ed europei, risorse aggiuntive intercettate e convogliate nella Zona Pisana in parte anche grazie alle sinergie fra le istituzioni aderenti al consorzio e alla capacità di progettazione e fund raising dello staff della SdS e credo che basti questo per raccontare il vantaggio che deriva a tutti i cittadini da un’istituzione come la SdS Pisana”.

Nel conto delle entrate, oltre ai 10,6 milioni assicurati dai Comuni consorziati (6,1 dei quali solo da quello di Pisa) e a i 3,1 delle compartecipazioni, infatti, vanno considerate anche i 3,2 milioni di euro provenienti da progetti finalizzati (prevalentemente europei), i 4,2 milioni di euro di fondi nazionali e gli 1,6 della Regione oltre a 150mila euro della Provincia e 326mila di altri enti.

Per quanto riguarda le uscite, invece, la parte del leone continuano a farla il settore degli anziani (7,7 milioni di euro) e della disabilità (4,6 milioni). Seguono i minori (3,8 milioni) una “voce” che comprende sia l’area materno-infantile che quella adolescenziale, l’immigrazione (2,5 milioni), l’alta marginalità (1,4 milioni) e il trasporto sociale (un milione). “Rispetto all’anno scorso abbiamo aumentato di circa 700mila euro gli investimenti nell’area minorile e nella disabilità, in conseguenza anche delle crescenti difficoltà cui stanno andando incontro le giovani coppie e le famiglie con bambini anche nel nostro territorio – ha spiegato il direttore della SdS Pisana Alessandro Campani - -mentre è diminuita leggermente l’incidenza delle risorse destinate all’area degli anziani, che comunque continua ad essere il settore che assorbe la quota nettamente maggiore di risorse, e all’area dell’immigrazione”.

Il documento conferma anche l’aumento della cosiddetta “quota capitaria”, ossia il valore economico unitario per ciascun cittadino che, moltiplicato per tutti i residenti nel comune, va a comporre la quota complessiva versata alla SdS (al netto di eventuali servizi aggiuntivi che ciascuna amministrazione può sempre delegare alla SdS): per sette anni, dal 2010 al 2016, è stata ferma a 27,18 euro ma l’anno scorso i comuni consorziati hanno deciso di aumentarla di due euro nei prossimi quattro anni. In conseguenza di questa scelta la quota capitaria, che nel 2017 era salita a 27,68 euro, nel 2018 passerà a 28,18 per arrivare a 29,18 euro nel 2020.

“Sono i numeri, più di ogni altra parola, a dare conto della necessità della SdS Pisana, un’istituzione che gestisce servizi molto delicati e che si rivolgono ai più fragili dei nostri territori e che riesce anche a moltiplicare le risorse ad esse destinate dai comuni consorziati - ha concluso la Presidente della SdS Zona Pisana Sandra Capuzzi -. Se ne devono essere accorti anche a Cascina perché dei propositi di uscire non se ne sente più parlare e anzi, ieri l’assessore Ziello spiegando, ovviamente su facebook e non certo in assemblea, le motivazioni del suo voto contrario ha detto di “voler prendere il controllo” del consorzio. Un anno fa lo considerava un carrozzone da chiudere, ora lo ritiene talmente indispensabile da volerlo “annettere”. Un bel cambiamento”.