Società della Salute della Zona Pisana
Consorzio Pubblico di funzioni
Via Saragat, 24 - 56121 Pisa

Articoli

 L'appuntamento è per Sabato 25 giugno. L’iniziativa è a cura di Società della Salute della zona pisana, associazioni Anffas onlus Pisa, Associazione Spes Onlus, Coordinamento etico dei Caregivers, UILDM Pisa e cooperativa Aforisma 

 

PISA – Costruire il Dopo di noi: una questione prioritaria per i familiari delle persone con disabilità che guardano al futuro del proprio caro. E che sarà al centro dei due incontri seminariali che si terranno sabato 25 giugno nell’Aula Magna della Scuola Superiore Sant’Anna. 

Si comincia alle 9 con un primo incontro dal titolo “Strumenti di tutela giuridica e patrimoniale delle persone con disabilità o non autosufficienza”. Dopo i saluti di Elena Vivaldi (Scuola Superiore Sant’Anna) e di Rosa Fontani (Anffas Onlus Pisa), interverranno Miriamo Celoni e Francesca Nucci (della Società della Salute della Zona Pisana), Lorenzo Gremigni Francini (della Scuola Superiore Sant’Anna), il notaio Claudio Calderoni e Enrico Francesco Barone (amministratore di sostegno). Seguirà il dibattito. 

Alle 14 prenderà il via il secondo incontro “La legge del Dopo di noi e le Fondazioni di partecipazione: aggiornamenti e prospettive”. Intervengono l’avvocato Massimo Bigoni, Andrea Blasini (della Scuola Superiore Sant’Anna) e Patrizia Frilli, vice presidente Fondazione di Partecipazione “Ora con Noi”. Coordina il giornalista Francesco Paletti. 

 

I seminari fanno parte del progetto “Rete Pisana: Formazione e Promozione”, a cura della Società della Salute della Zona Pisana, le associazioni Anffas onlus Pisa, l’Associazione Spes onlus, il Coordinamento etico dei Caregivers, lo UILDM Pisa e la cooperativa Aforisma, che hanno proposto ai familiari delle persone con disabilità e delle Associazioni che le rappresentano un percorso di conoscenza e informazione sui temi legati a strategie ed iniziative, strumenti e servizi per costruire il Dopo di noi.

L’iscrizione può essere effettuata telefonando al 346 1867933 o inviando una e-mail all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.